Borghi d'Italia

SUBIACO Storia del Santo che visse tre anni nel Sacro Speco e del borgo in cui fondò il suo primo monastero

Subiaco, qualche tempo prima dell’anno 500 d.C. L’uomo già da qualche anno – quasi alla stregua di un asceta orientale – passava il suo tempo pregando nella grotta in un anfratto della montagna. E tutti lo veneravano già come santo. Affascinati da tanta perseveranza, alcuni monaci del posto lo vollero a capo della loro comunità. Ma ben presto i religiosi furono infastiditi da tanto zelo e religiosità. Non si accontentarono semplicemente di allontanarlo da loro. Ma pensarono addirittura di ucciderlo.

Vai All'articolo »
Borghi d'Italia

ASOLO Storia della donna che esplorò il mondo e che morì centenaria e felice ad Asolo

Nepal, anno 1981. Una donna, sguardo vispo e profondo, procede in groppa al suo cavallo scrutando ammirata le vette torreggianti delle montagne himalayane. E nel profilo di quelle cime inarrivabili, quasi come in un lungometraggio, rivede proiettata tutta la sua vita. Una vita trascorsa per buona parte in viaggio, ad esplorare terre lontane e sconosciute. A imparare lingue esotiche e a fraternizzare con tutte le persone incontrate sul proprio cammino.

Vai All'articolo »
Borghi d'Italia

IRSINA Storia della statua di Andrea Mantegna che arrivò nelle valli della Lucania

Padova, anno 1452. Quando una notizia positiva giunge inaspettata è capace di colmare di gioia immensa il cuore degli uomini. Quando quella notizia inaspettata interessa poi il borgo natio allora il giubilo può essere infinito. Quel borgo lontano che ritorna ogni giorno a cullare dolcemente i pensieri di chi si è dovuto allontanare per ragioni superiori dalla sua terra. Quel borgo lontano che rimane sospeso sul cuore come una radice rimane attaccata al terreno.

Vai All'articolo »
Borghi d'Italia

NONANTOLA Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata

Ducato longobardo del Friuli, qualche tempo prima dell’anno 752 d.C. Nel silenzio delle sue stanze, un uomo assorto e corrucciato guarda davanti a sé perso nei suoi pensieri e nel suo futuro. Sul suo letto ci sono due abiti uno accanto all’altro. Due abiti molto diversi da loro che sottendono degli stili di vita decisamente diversi. Due abiti che rappresentano, in maniera radicale, il presente e il futuro di questo uomo che sta per compiere una scelta tanto coraggiosa quanto radicale.

Vai All'articolo »
Borghi d'Italia

BARD Storia del Forte di Bard e dell’assedio di Napoleone

Forte di Bard, primi giorni di giugno del 1800. I militari asserragliati nel Forte sono esausti. Le bombe cadono da giorni con una regolarità estenuante sulle loro teste e sui loro pensieri stremati. C’è chi pensa alla famiglia lontana o chi al proprio berretto volato via tra i fischi dei bombardamenti. Al di là dei pensieri e della solitudine – i soldati all’interno del Forte, inferiori di numero e con una potenza di fuoco notevolmente più scarsa, sono giorni che resistono stoicamente ai tentativi di assalto dell’esercito nemico.

Vai All'articolo »
Borghi d'Italia

FROSOLONE Storia di un disastro minerario e del borgo molisano da cui venivano gli eroici minatori

Monongah (West Virginia), 6 dicembre 1907. Sono le dieci e trenta del mattino quando un boato terribile scuote le viscere della terra in questo angolo lontano degli Stati Uniti d’America. L’esplosione, a metà strada tra un terremoto e l’apocalisse, si propaga in superficie travolgendo ogni cosa davanti sé. La quiete che si respira tra questi boschi nei monti Appalachi viene interrotta per sempre dalle urla strazianti di coloro che nel ventre della collina andarono incontro a una morte atroce nel più grande disastro minerario della storia.

Vai All'articolo »
Borghi d'Italia

ALTOMONTE Storia del prigioniero-filosofo e del borgo calabrese con una chiesa dal gusto francese

Roma, anno 1629. Mancano pochi giorni alla sospirata libertà. Sono passati 27 anni da quel lontano 1602, quando il nostro uomo fu condotto per la prima volta in carcere nella città di Napoli. Ventisette lunghissimi anni, di cui gli ultimi tre trascorsi nel carcere del Sant’Uffizio di Roma. Tommaso Campanella, stremato nel fisico ma mai domo nello spirito e nella mente…

Vai All'articolo »
Borghi d'Italia

PESCOCOSTANZO Storia della poetessa amica di Michelangelo e della vendita del suo feudo

Ischia, dicembre 1509. Nel Castello Aragonese dell’isola va in scena un matrimonio fastosissimo che a livello strategico vede l’unione di due importanti famiglie nobiliari di quel periodo. A differenza della stragrande maggioranza dei matrimoni combinati, i due rampolli si ameranno di un amore sincero e rimarranno sempre uniti per il resto della loro vita.

Vai All'articolo »
Borghi d'Italia

ZUCCARELLO Storia di un celebre monumento funebre e della donna in esso raffigurata

Lucca, anno 1407. All’interno del duomo di San Martino, una folla visibilmente commossa assiste col fiato sospeso alla benedizione di un monumento funebre. Il momento è altamente solenne ed è accompagnato da preghiere sentite. In tutti gli astanti è ancora vivissimo il ricordo della giovane donna che un destino crudele e beffardo ha strappato alla vita solo due anni prima.

Vai All'articolo »
Borghi d'Italia

LETINO Storia di una insurrezione anarchica tra le montagne del Matese

Municipio di Letino, 8 aprile 1877. Siamo a Letino, un piccolo borgo abbarbicato sul massiccio del Matese – importante gruppo montuoso dell’Appennino meridionale ai confini tra Campania e Molise. È in corso il Consiglio Comunale quando all’improvviso irrompe nella sala consiliare un manipolo di uomini armati alla bella e meglio…

Vai All'articolo »
Borghi d'Italia

MONTONE Storia di un Capitano di Ventura che voleva fare l’Italia (almeno in parte)

L’Aquila, giugno 1424. Sotto le mura della città, viene ferito gravemente uno dei più grandi e spavaldi condottieri dell’epoca. Pochi giorni dopo, rifiutando qualsiasi cura, muore stoicamente Braccio da Montone – e con lui il sogno di poter unificare buona parte dell’Italia centrale sotto un cappello che non fosse quello della Chiesa e del papa.

Vai All'articolo »

“L’arte spazza la nostra anima dalla polvere della quotidianità.”
Pablo Picasso

Tra pochi minuti riceverai la mail con la Guida ai Siti Unesco d’Italia

Ps. Se non la trovi ricordati di controllare nella cartella Spam

Scarica la guida completa ai siti unesco d'italia