Borghi d'Italia

ALTOMONTE Storia del prigioniero-filosofo e del borgo calabrese con una chiesa dal gusto francese

Roma, anno 1629. Mancano pochi giorni alla sospirata libertà. Sono passati 27 anni da quel lontano 1602, quando il nostro uomo fu condotto per la prima volta in carcere nella città di Napoli. Ventisette lunghissimi anni, di cui gli ultimi tre trascorsi nel carcere del Sant’Uffizio di Roma. Tommaso Campanella, stremato nel fisico ma mai domo nello spirito e nella mente…

Vai All'articolo »
Borghi d'Italia

PESCOCOSTANZO Storia della poetessa amica di Michelangelo e della vendita del suo feudo

Ischia, dicembre 1509. Nel Castello Aragonese dell’isola va in scena un matrimonio fastosissimo che a livello strategico vede l’unione di due importanti famiglie nobiliari di quel periodo. A differenza della stragrande maggioranza dei matrimoni combinati, i due rampolli si ameranno di un amore sincero e rimarranno sempre uniti per il resto della loro vita.

Vai All'articolo »
Borghi d'Italia

ZUCCARELLO Storia di un celebre monumento funebre e della donna in esso raffigurata

Lucca, anno 1407. All’interno del duomo di San Martino, una folla visibilmente commossa assiste col fiato sospeso alla benedizione di un monumento funebre. Il momento è altamente solenne ed è accompagnato da preghiere sentite. In tutti gli astanti è ancora vivissimo il ricordo della giovane donna che un destino crudele e beffardo ha strappato alla vita solo due anni prima.

Vai All'articolo »
Borghi d'Italia

LETINO Storia di una insurrezione anarchica tra le montagne del Matese

Municipio di Letino, 8 aprile 1877. Siamo a Letino, un piccolo borgo abbarbicato sul massiccio del Matese – importante gruppo montuoso dell’Appennino meridionale ai confini tra Campania e Molise. È in corso il Consiglio Comunale quando all’improvviso irrompe nella sala consiliare un manipolo di uomini armati alla bella e meglio…

Vai All'articolo »
Borghi d'Italia

MONTONE Storia di un Capitano di Ventura che voleva fare l’Italia (almeno in parte)

L’Aquila, giugno 1424. Sotto le mura della città, viene ferito gravemente uno dei più grandi e spavaldi condottieri dell’epoca. Pochi giorni dopo, rifiutando qualsiasi cura, muore stoicamente Braccio da Montone – e con lui il sogno di poter unificare buona parte dell’Italia centrale sotto un cappello che non fosse quello della Chiesa e del papa.

Vai All'articolo »
Chiudi il menu

“L’arte spazza la nostra anima dalla polvere della quotidianità.”
Pablo Picasso

Tra pochi minuti riceverai la mail con la Guida ai Siti Unesco d’Italia

Ps. Se non la trovi ricordati di controllare nella cartella Spam

Scarica la guida completa ai siti unesco d'italia